INRI RECORDS # Il Nuovo Rumore Italiano

AntiAnti / Il tappeto dava un tono all’ambiente

AntiAnti / Il tappeto… / MTR001

01 – Natale 2004
02 – Live Fast Die Young
03 – Camonchia pensa che questa…
04 – Picciotti della benavita ft CAPAREZZA
05 – A Unga A Unga
06 – LʼAssassina ft COR VELENO
07 – Ma è vero che vi siete sciolti?
08 – The old girlʼs spite ft M.V. BEAUREGARDE
09 – Him in me ft GIONATA MIRAI (S.E.B.P.) + A. BANDINI
10 – C.B – loves electronic music
11 – Pain ft FABRI FIBRA + DIEGONE (Medusa)
12 – Il sassofonista su Vine street…
13 – Spara(mi) ft PRIMO (Cor Veleno) + NSG
14 – Tokai ft SAMUEL (Subsonica) + VERONICA
Acquista su:iTunes

“Dade si butta nel turbine, come Pollock. Lascia che il colore cada e si faccia disperazione già in volo, prima ancora di toccare terra. La scintilla gli balena in testa in un porco momento della sua vita. Si trasferisce in un granaio con computer, basso e chitarra e inizia a suonare per venti ore al giorno. Poco propenso a ragionare per generi, segue la musica, salta qua e là, danza attorno al quadro, non calcola gli schizzi, schizza e basta. Se a questo aggiungiamo il fatto che a Drugo Lebowski hanno sporcato il tappeto di casa e che il tappeto dava un tono all’ambiente…”
Pierluigi Lucadei – Blogs MySpace

““Il tappeto dava un tono all’ambiente”, detto in gergo “spacca”; è differente e innovativo e, nonostante a prima vista può sembrare una suonata tra amici, in realtà, per capire i ragazzi di Dade-AntiAnti, ci vuole un orecchio fino e un buon cervello.”
Melissa Siano – Rock Out

“Che combina il bassista dei Linea 77? Nel tempo libero compone, poi scrive agli amici: ti va di cantare una delle mie cose? Sì, rispondono Samuel dei Subsonica e tanti altri. Così è nato il suo primo album solista Il tappeto dava un tono all’ambiente. A XL è piaciuto, tanto da farvi un regalo…”
Lorenza Biasi – XL

“Dade compone spaziando tra cento generi, dall’hardcore al blues, dall’elettronica al rap e, non esistendo un cantante che potesse essere Jello Biafra subito dopo essere stato Snoop Doggy Dog, invia le sue canzoni ad una serie di artisti/amici che sapessero impreziosirle ciascuno con le proprie caratteristiche. I risultati sono stupefacenti, tanti sono i pezzi dentro questo “Il tappeto dava un tono all’ambiente” (il titolo è una citazione dal cult-movie dei Coen, “Il grande Lebowsky”) che suonano irresistibili. ”
Pierluigi Lucadei – Live Rock

“Si urla, si balla, si denuncia, si spaccano le casse degli amplificatori e poi le si pulisce con i guanti bianchi. Schizofrenia musicale che piace e che ci si augura possa essere compresa nella sua coraggiosa follia.”
Gianluca Polverari – Giovani.it

“Un disco libero, sguinzagliato, che tassello dopo tassello ricompone l’immaginario musicale del bassista dei L77. Un universo in cui l’hip hop, l’hardcore radicale, ‘approccio lo-fi, il folk e l’elettronica sono liberi di abbagliarsi l’un l’altro, di perdere e ritrovare la via. “Il Tappeto Dava Un Tono All’Ambiente” (citazione da “Il grande Lebowski”) è, nelle parole del suo autore, “prima di ogni altra cosa divertimento, spensieratezza, leggerezza, sfogo, annullamento della pressione artistica”.”
Self

“Questo disco è una di quelle perle che capitano ogni tanto e che spesso sono difficili da superare o semplicemente eguagliare. Complimenti a Dade, ma anche a tutti i suoi collaboratori, senza il quale questo disco non sarebbe stato sicuramente così.”
Ipod Mania

“Tu, voi. Qualcuno di voi venga a scipparmi l’auto con dentro il cd di Dade dei Linea 77, alias AntiAnti. Senza fare troppi rumori. Poi restituite il funky-rottame color neve e ascoltatevi il disco policromatico. Perché spacca. (…) Una semplicissima chitarrina in fingerpicking, interrotta da suoni meccanici, illogici e digitali che poi eiaculeranno un beat noise/d’n’b. Mucho estilo. E’ questo che accredita l’azzeramento completo di ogni senso. Niente Anti dell’anti. E’ zero. E’ di nuovo l’inizio. Puntoeaccapo. E tante altre gocce coloranti. E’ intensa la vernice di questo disco che non serve essenzialmente a niente o a nessuno, se non a chi si esalta ancora con un po’ di colore. Differente, sensato e anti-anticonformista.”
Michele Caporosso – Rock It