INRI RECORDS # Il Nuovo Rumore Italiano

Sem&Stènn si conoscono nel 2007, in un blog di musica, dove condividono passioni e desideri. Decidono di incontrarsi quattro anni dopo, nel 2011. L’anno seguente, la loro unione si trasforma in collaborazione artistica.

Frequentano un corso di produzione di musica elettronica e cominciano a lavorare in diversi club milanesi, fino a che, nel 2015,

scelgono di dedicarsi totalmente alle loro produzioni, contaminate dalle sonorità di artisti come Pet Shop Boys , Beastie Boys, Depeche Mode, Robyn, MGMT, Goldfrapp, Justice, Basement Jaxx e molti altri.

Nell’aprile 2016 pubblicano il primo singolo, cui fanno seguito altri due singoli, e un ep. Il progetto è interamente indipendente, e Sem&Stènn si occupano di ogni aspetto: sia quello prettamente musicale (scrittura di testi e melodie, scelta degli arrangiamenti, produzione), che alla parte visuale (photoshoot, direzione e regia dei videoclip). Sem&Stènn si dedicano in seguito alla promozione del disco, organizzando un tour in giro per il mondo, tra Italia, Europa e Stati Uniti.

Nell’estate 2017 arriva X Factor, e i progetti indipendenti vengono congelati. Superano le varie fasi di selezione (Audition, BootCamp e HomeVisit) e vengono infine selezionati tra i 12 finalisti in gara, sotto l’ala di Manuel Agnelli.

Il percorso ad XFactor si sviluppa in piena sintonia con il proprio giudice, e mostra diversi aspetti della loro personalità artistica: dalle versioni electropop di Let’s Go To Bed dei Cure e The Dope Show di Marilyn Manson, fino ai remix di Electric Feel degli MGMT e di This Is Not A Love Song dei PIL.

Sem&Stènn divertono, disturbano, dividono, scuotono il pubblico, come si erano prefissati di fare, e si fanno portavoce dei diritti LGBT, contro qualsiasi stereotipo di gender.

Il 5 gennaio 2018 pubblicano The Fair, l’inedito dalle sonorità electropop/darkwave presentato alle audition di X Factor, un tributo al mondo dei club, che ne celebra gli eccessi. Il videoclip, diretto da Sem (Salvatore Puglisi), ritrae Sem&Stènn alle prese con una baby sitter fuori dagli schemi. Tra decostruzione di stereotipi di genere e riferimenti alla cultura pop anni ’90, il duo con le tute rosse da meccanico si diverte a infrangere le regole e a disturbare il vicinato con uno stereo al massimo volume.